Articoli con tag ‘padri separati’

La carezza di Pasquale

L’incidente è banalissimo, come mille che avvengono per le strade. Daniel però ne è rimasto sconvolto. Convinto di avere causato la morte di amici, disperato fugge e vagola per i campi. A nulla valgono le ricerche di Forze dell’Odine e volontari e gli appelli accorati dei genitori: «Daniel, mamma e papà ti stanno cercando. Stai tranquillo, nell’incidente ci sono stati solo incidenti lievi … siamo molto preoccupati per te …». E’ il testo di un volantino fatto affiggere agli angoli delle strade. Il fratello urlava dall’elicottero dei Vigili del Fuoco le stesse parole, amplificate mediante un megafono. Inutile.

David è stato ritrovato dopo dieci giorni esanime, in posizione fetale, quasi a volersi proteggere dal freddo, dagli stenti e dal senso di colpa.

Una foto.  Pasquale, il padre di Daniel,  chino sul corpo del figlio. Una mano sfiora il capo del giovane; è una carezza che – come scrive Stefano Zecchi  (Panorama, 10 marzo 2011, 25) – commuove e sorprende perché la nostra società ha dimenticato il senso della paternità. Se oggi essere genitori è difficile, ancora più difficile è essere padri. A volte ci si sottrae per colpa o inadeguatezza, altre volte non si è affatto agevolati nell’esercizio di un diritto-dovere (si veda per esempio la storia di tanti padri separati). In questo modo si smarrisce chi agevoli il passaggio alla vita adulta, caratterizzata da autonomia e responsabilità,  capacità di scelta e di dono, fermezza e tenerezza, scoperta di valori guida e di traduzione degli stessi nella prassi.

La “sindrome” da alienazione parentale

Si tratta di un tentativo da parte di un genitore di “programmare” i figli, in modo che manifestino ostilità o rifiuto nei riguardi dell’altro genitore. Ciò può avvenire di solito nel contesto di un’elevata conflittualità. La caratteristica peculiare è che i bambini intervengono come soggetti attivi. Ne ho già parlato qui.
Ho condotto una ricerca sull’argomento e sono giunto alle seguenti conclusioni:
1. L’esistenza della Alienazione parentale come Sindrome patologica a sè stante non è dimostrata.
2. La PAS esprime tuttavia un problema reale, da studiare con criteri scientifici
3. Per fare questo, occorre liberare il campo da connotazioni culturali, contrapposizioni sessiste, interessi di parte (la PAS potrebbe essere usata nei Tribunali per ottenere la custodia dei figli e addirittura per difendersi da accuse di abuso o maltrattamento). Deve prevalere l’interesse per i minori. La ricerca scientifica è necessaria per arrivare a parlare un linguaggio comune.
4. I bambini sono abusati quando:
a) sono costretti ad interrompere i rapporti con un genitore (abuso psicologico ed emotivo)
b) sono abusati sessualmente e non vengono creduti a causa della PAS (doppio abuso)
c) sono strumentalizzati e costretti ad accusare falsamente di abuso o maltrattamento un genitore
5. Interventi necessari: rafforzare il legame con il genitore rifiutato senza interrompere quello con l’altro.
Ho anche provato a delineare alcuni interventi di prevenzione rivolti a bambini delle Scuole Primarie e a ragazzi figli di genitori separati.
Per saperne di più, visita il mio sito.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: