Archivio per gennaio, 2009

Processo all'Aja contro un signore della guerra

“Così ci arruolavano all’uscita da scuola” all’Aja il racconto di un ex bambino soldato – esteri – Repubblica.it.

E’ un segno di speranza che si inizi a fare giustizia contro quei criminali che trasformano i bambini a loro immagine e somiglianza.
Chi scandalizza anche uno di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. (Mt 18,6)

La Liguria per i genitori separati in difficoltà

Sono conosciute le difficoltà, psicologiche, economiche e sociali di chi, genitore separato, si ritrova a costruirsi una nuova vita e a svolgere con ancora maggiore impegno i compiti educativi.

La difficoltà riguarda le madri, soprattutto quando non ricevono il necessario sostentamento, ma è oggi sempre più caratteristica anche dei padri, che spesso non sanno come affrontare le spese di un mutuo e/o di un affitto.

A queste esigenze viene incontro la legge regionale della Liguria “per il sostegno dei genitori separati in situazione di difficoltà”. Tale legge prevede tra l’altro la realizzazione di alloggi temporanei per le persone in grave difficoltà economica e centri di mediazione familiare per il sostegno alla bigenitorialità.

Ora è stata avanzata istanza affinché tale legge possa essere recepita anche a livello nazionale.

Nel giorno della memoria

Son morto con altri cento

Son morto ch’ero bambino

Passato per il camino

E adesso sono nel vento,

E adesso sono nel vento.

Ad Auschwitz c’era la neve

Il fumo saliva lento

Nel freddo giorno d’inverno

E adesso sono nel vento,

E adesso sono nel vento.

Ad Auschwitz tante persone

Ma un solo grande silenzio

È strano, non riesco ancora

A sorridere qui nel vento,

A sorridere qui nel vento

Io chiedo, come può un uomo

Uccidere un suo fratello

Eppure siamo a milioni

In polvere qui nel vento,

In polvere qui nel vento.

Ancora tuona il cannone,

Ancora non è contenta

Di sangue la belva umana

E ancora ci porta il vento,

E ancora ci porta il vento.

Io chiedo quando sarà

Che l’uomo potrà imparare

A vivere senza ammazzare

E il vento si poserà,

E il vento si poserà.

Io chiedo quando sarà

Che l’uomo potrà imparare

A vivere senza ammazzare

E il vento si poserà,

E il vento si poserà.

Dedicata ai bambini di Gaza e a tutti quelli a cui – in ogni parte del mondo e in ogni epoca – non è stato permesso di essere bambini o di diventare grandi.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: