Articoli con tag ‘chirurgia estetica’

Quotazioni in ribasso

E’ di qualche tempo fa la notizia che una ex-concorrente del Grande Fratello si è sottoposta a un intervento chirurgico per passare alla quinta alla settima misura di seno. Si è detta molto soddisfatta perché così spera di essere notata e di potere mostrare quello che sa fare. Si considera una persona serena, senza problemi, che solo deve pagare un prezzo per potere sfondare nel mondo dello spettacolo, dove ciò che conta – afferma – è l’apparenza.
Non aveva detto di volere mostrare ciò che è capace di fare? In ogni caso, Rosa che non è invece interessata a sfondare da nessuna parte, ci ha raccontato che prendeva il sole della Sardegna in topless (uno dei primi in Italia, ricorda con soddisfazione). “Ora però – conclude – non me lo posso più permettere: è un valore catastrofico!”.

Annunci

L’anima deturpata

Penso alle ragazze che a Modena e in tante altre città si rivolgono alle agenzie di casting e sognano di sfondare nel mondo della moda o dello spettacolo. Poi magari sono dirottate al chirugo plastico per correggere difetti inesistenti.

Penso alle donne del Bangladesh che poco più che bambine hanno  il viso bruciato dall’acido solforico delle batterie  gettato da pretendenti respinti.  La loro vita di donne e madri è finita per sempre: nessun uomo sarà mai disposto a sposarle.

Penso alle nostre anime deturpate.

Felicità è un seno nuovo

Il X Rapporto nazionale su infanzia e adolescenza (Eurispes-Telefono Azzurro) ha toccato il tema della chirurgia estetica che riguarda anche adolescenti e giovani. Dei circa 150mila interventi di chirurgia plastica effettuati nel 2008 in Italia, 85.500 riguardano pazienti tra i 18 e i 25 anni. C’è stata una crescita esponenziale di questi interventi: dai 54000 pazienti nel 2002 agli 80.000 nel 2006.
Su cosa s’interviene? Per quanto riguarda le donne: sedere, pancia e fianchi sono al top della classifica dei difetti da correggere (84%). Seguono le gambe (41%), il seno (17%), la pelle e il viso (in entrambi i casi 11%).
Emerge quindi la necessità di conformarsi a modelli estetici imposti, tali da non fare apprezzare una o più parti del corpo. Ragazze intervistate (16-17 anni) hanno affermato che non solo non avrebbero alcun problema ad ammettere un intervento di chirurgia estetica (73%), ma ne andrebbero addirittura fiere (10%).
Si assiste in conclusione ad una ricerca della perfezione: rotondità in eccesso possono diventare un problema esistenziale, da risolvere ad ogni costo.
Visti i costi di queste operazioni (dai 6ooo ai 10000 euro per ogni intervento), come fare per ragranellare tanti soldi? Alcune adolescenti si sono inventate una sorta di vetrina on-line in cui “mostrarsi” in cambio di contributi in denaro. Altri metodi possono essere facilmente immaginati.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: