Archivio per febbraio, 2010

Morgan e la santità

A me Morgan musicista piace. Mi intriga il modo che ha di argomentare riguardo la musica, probabilmente perché io ne so poco e mi affascina chi ne sa molto e ne parla con passione.
Quella della droga è tutta un’altra partita: che il crack sia un antidepressivo è tutta da ridere. Ho visto gli sbalzi di umore che provoca, l’aggressività, la profonda depressione che segue una fase euforica … Una persona che parla tranquillamente della propria dipendenza quotidiana non può certo apparire sulla tv pubblica (neanche chi quotidianamente abusa del proprio potere politico, corrompe o si lascia corrompere … , se è per quello). Invece un tossicodipendente che s’impegna a cambiare sarebbe un ottimo testimonial. Si è detto che un drogato non deve diventare un modello per i giovani: giusto! Ma modelli da imitare sono coloro che, avendo sbagliato, hanno deciso di cambiare vita (così sono i santi nella fede cristiana). Non so se Morgan abbia questa intenzione; certo ha raggiunto uno scopo: in questi giorni parliamo di lui.

Almeno così credo …

Leggo su Corriere.it che il prof. Veronesi avrebbe detto che la religione impedisce di ragionare mentre la scienza vive nella ricerca della verità. Ancora, per l’oncologo la religione sarebbe integralista per definizione, mentre la scienza vivrebbe nel dubbio.
Sono perfettamente d’accordo.
A patto che si sappia distinguere tra religione e fede, perché la fede autentica, parlo della fede cristiana, è ricerca della verità da parte di persone che pur affidandosi a Gesù Cristo, non sono certo esenti dal dubbio. Anzi senza dubbio ritengo non possa esservi alcuna ricerca spirituale.
E’ vero ci sono religiosi integralisti e anche scienziati integralisti, quando gli uni e gli altri pensano di poter dare una risposta a tutto grazie alle rispettive conoscenze.
Fede e scienza possono convivere, se non si pretende con la scienza di poter dare una risposta a tutti i perché dell’esistenza e con la fede di rispondere a domande (come per esempio, come è nato l’universo) che esulano dal piano della fede. Se la scienza e solo la scienza può rispondere al “come”, la fede può rispondere al “perché” di significato. A parte che certe domande di significato rimangono tali anche per la fede (ed ecco che torna il dubbio). La recente Giornata della Memoria ci suggerisce proprio questo …
Almeno così credo …

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: