Articoli con tag ‘facebook’

Ewwwangelo

Questa notte mi sono svegliato a causa della tosse e mi è venuto in mente il brano del giudizio nel Vangelo di Matteo, non nella sua versione originale – Dio mi perdoni – ma in una riveduta e corretta alla luce del social networking:

Venite benedetti, perché io ho avuto fame e vi è piaciuto questo elemento, ho avuto sete e avete condiviso; ero forestiero e avete accettato la mia amicizia, nudo e avete bloccato il mio sito, malato e mi avete inviato un poke, carcerato e avete visitato il mio profilo. Allora i giusti gli risponderanno: quando mai ti abbiamo veduto affamato e ci è piaciuto questo elemento, assetato e abbiamo condiviso? Quando ti abbiamo visto forestiero e abbiamo accettato la tua amicizia, o nudo e abbiamo bloccato il tuo sito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e abbiamo visitato il tuo profilo? Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei amici su Facebook, l’avete fatto a me.

“Face” senza faccia

Il web diventa per molti il metodo sicuramente più rapido ed efficace per entrare e mantenere un contatto con una rete di persone. Per gli adolescenti ciò è  più vitale del cibo! Si tratta di una rete che può essere ampliata a piacimento, praticamente senza limite. E senza limiti sono anche i contenuti che si possono incontrare, contenuti “forti” di cui si ha bisogno per scrollarsi di dosso la noia del quotidiano. La tendenza è quella di isolarsi sempre più, o meglio rimanere in contatto con 50, 100 “amici” e più, dei quali si può anche non sapere nulla, basti pensare al fenomeno facebook, dove spesso la face non è affatto quella che ci manifesta al mondo e attraverso la quale possiamo essere individuati all’interno di una massa, ma un logo che ci può dare l’illusione di “essere qualcuno”.  Nella vita virtuale  tutto può apparire  possibile e tutte le paure possono essere aggirate, compresa quella legata alla relazione vis à vis.
Certo è possibile usare  facebook per lavoro, o per tenersi in contatto con gli amici che si conoscono o come piazza virtuale in cui fare altri incontri destinati a diventare reali … ma a quanti interessa  realmente questo?

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: