Articoli con tag ‘chiesa’

Il muro non è crollato

muroIl muro di Berlino è stato demolito 20 anni fa. E quell’evento ha rappresentato per molti di noi un’apertura alla speranza. Ma basta sfogliare i giornali per vedere come cento, mille muri siano ancora presenti. Non solo vestigia del passato, ma costruzioni realizzate ex-novo. Non credo si tratti di abusivismo edilizio. Al contrario, quei muri sono il risultato di una progettazione accorta, meno attenta ai risultati estetici che a quelli pratici di contenimento e separazione.Vengono innalzati sul terreno sociale da chi per esempio alimenta la paura del diverso.  Sul terreno economico: chi oggi può accedere al credito? Quali imprese possono creare lavoro? E quali coppie possono decidere di iniziare una convivenza senza avere la fortuna di genitori con le spalle robuste?  Sul terreno politico: chi ha la  reale intenzione di dialogare? Quanto mai opportuno il richiamo del card. Bagnasco (queste sono “ingerenze” che ci piacciono): «È necessario e urgente svelenire il clima generale, perché da una conflittualità sistematica, perseguita con ogni mezzo e a qualunque costo, si passi subito a un confronto leale per il bene dei cittadini e del Paese». Spero che l’attenzione della Chiesa ( e nostra) rimanga vigile e non si lasci comprare da un piatto di lenticchie (o da un crocifisso lasciato a far polvere in aula).

Annunci

Sfogo di un alterato

Non so fino a che punto le parole del papa siano ascoltate dai cattolici. Quando ero più addentro le sacre cose avevo l’impressione che non lo fossero tanto (e trattavasi di papa con tutt’altro appeal). Mi sono accorto che sono piuttosto ascoltate da chi cattolico non è. Leggi ad esempio qui, dove si esprime dolore e indignazione riguardo il fatto di definire alterati i figli dei divorziati. In un discorso pronunciato di fronte ai vescovi brasiliani, il papa ha affermato che i figli si sentirebbero orfani non perché senza genitori ma per averne troppi.
Penso tutti possiamo essere d’accordo che i figli soffrano la separazione dei genitori. Ma soffrono anche e molto la conflittualità aperta o sotteranea, le guerre dei Roses interminabili, la mancanza di stima dell’un coniuge nei confronti dell’altro, i ricatti, i giochi di potere e così via. Una famiglia che rimane unita è una fortuna (e a volte ci si separa troppo in fretta, come se lo stare insieme non richiedesse un po’ di impegno). D’altra parte una famiglia allargata in cui vi sia amore e rispetto può essere un riferimento saldo per i figli.
Bene fa il papa a fare il suo mestiere; bene fa ciascuno ad ascoltare la propria coscienza.
Come alterato (per motivi diversi da quelli descritti dal papa) sono a chiedere sommessamente: più comprensione e meno strali.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: